FAQs

MANDATO E COSTI

1. In quali casi si può contattare un investigatore privato?

Un investigatore privato si può contattare per qualsiasi problematica famigliare, aziendale, per cause civili e penali, ma anche perché si pensa di essere spiati.

2. Come si fa a scegliere la giusta agenzia investigativa?

In primis dall’autorizzazione, deve essere autorizzata a svolgere le attività investigative, poi dagli anni di esperienza, perché questi danno modo all’investigatore di aver trattato casi e quindi aver acquisito una certa procedura e competenza. Una nota, l’aver fatto parte delle forze di polizia non necessariamente è sintomo di competenza nel settore privato, ma questo perché sono settori totalmente diversi e attività diverse.

3. Cosa qualifica un investigatore?

L’investigatore privato è u n professionista che ha competenze teorico-pratiche.
Per legge un investigatore deve essere laureato.Per esercitare deve avere esperienze pregresse dimostrabili in campo investigativo.
Formazione continua,certificati UNI e ISO ed esperienza sono la garanzia di un vero professionista.
Diffidate “dall’amico di mio cugino”.

4. Quanto costa un investigatore privato?

Un’indagine può avere un prezzo di partenza di € 150,00/200,00 dipende molto da tanti fattori. Noi facciamo dei preventivi gratuiti, per studiare il caso nello specifico;

5. Come si ingaggia un investigatore?

Un investigatore si ingaggia attraverso la compilazione e firma di un mandato d’incarico.

6. Si può pagare a rate?

Il pagamento si può concordare prima dell’inizio delle attività investigative.

PRIVACY E RELAZIONE

7. Le indagini di un investigatore privato invadono la privacy altrui?

Assolutamente no, perché le indagini vengono svolte solo rispettando le normative di riferimento.

8. Un cliente che chiede una consulenza, può restare anonimo?

Il cliente resta sempre anonimo, noi abbiamo il segreto professionale da rispettare e procedure per tutelare i nostri clienti e farli rimanere totalmente anonimi. Mai nessuno scoprirà chi e cosa.

9. Che tipo di documentazione viene rilasciata a fine indagine?

A fine indagine rilasciamo una relazione di servizio con tutti gli allegati video fotografici. Possiamo essere chiamati anche davanti al giudice come testimoni, perché siamo autorizzati.

10. Le prove di un investigatore sono valide in sede di giudizio?

Le prove di un’agenzia investigativa sono valide solo ed esclusivamente se l’agenzia è autorizzata, e se sono state raccolte rispettando le norme vigenti.

INVESTIGAZIONI PRIVATE

11. Un investigatore può fare indagini in caso di stalking?

Gli atti persecutori, accertare lo stalking è uno dei nostri servizi che svolgiamo in maniera molto professionale e assistiamo la vittima dall’inizio alla fine, questo anche per il bullismo.

12. Se un anziano viene maltrattato in un centro dedicato o in una clinica, si può contattare un investigatore privato?

Si, ci si può rivolgere ad un’agenzia investigativa autorizzata, la quale adotterà tutte quelle procedure per accertare la verità, e questo anche in caso di maltrattamento di minori all’interno delle scuole.

13. Un investigatore può fare indagini su minori?

Si, possiamo svolgere indagini su minori, e soprattutto i genitori hanno l’obbligo sia come tutori che come obbligo morale, di controllare i figli minori nel caso in cui hanno percezione che qualcosa non va.

14. Nei casi di infedeltà coniugale, si può contattare un investigatore?

Si, e le foto raccolte sono valide per la separazione ed avere o una trattativa migliore in caso di separazione consensuale, oppure in caso di separazione giudiziale, addebitare la separazione a colui o colei che ha tradito.

15. Un investigatore può produrre prove valide in caso di mobbing?

Si, accertiamo il mobbing messo in atto dai datori di lavoro. L’ultimo mobbing accertato, grazie alle nostre prove, il datore di lavoro è stato condannato al pagamento al lavoratore di una grossa somma di danaro.

INVESTIGAZIONI PER LE AZIENDE

16. Un titolare d’azienda ha il diritto di contattare un investigatore per controllare un dipendente?

Assolutamente sì. Può controllare un dipendente infedele, un socio d’affari, aziende concorrenti e tanti altri servizi.

17. Nei casi di non corretto utilizzo dei permessi 104 o falsa malattia, si può contattare un investigatore?

Si, svolgiamo molti accertamenti per verificare il corretto uso dei permessi 104 e la malattia. In entrambe i casi, il 95% dei dipendenti in 104 o in malattia, viene “beccato” a fare tutt’altro invece di accudire il disabile o di essere malato, quindi si procede con il licenziamento per giustificato motivo. Le nostre procedure hanno portato le aziende che si affidano a noi ad avere il 100% dei licenziamenti per giustificato motivo, senza nessun tipo di reintegro e/o sanzioni per l’azienda.

18. Si sente spesso parlare di concorrenza sleale: cosa significa e come può agire un investigatore?

Significa utilizzare tecniche, pratiche e mezzi illeciti per ottenere vantaggi sui competitor e arrecare loro un danno. Un investigatore può agire raccogliendo queste prove.

19. Il patto di non concorrenza? Vi occupate di ciò?

Si, svolgiamo accertamenti sul rispetto del patto di non concorrenza, e possiamo dire che questo non viene rispettato il 98% delle volte, quindi invitiamo sempre le aziende alle verifiche.

20. Nei casi di contrabbando e contraffazione può intervenire solo lo stato o ci si può affidare ad un’agenzia investigativa per le indagini?

Ci si può affidare ad un’agenzia investigativa. Ci sono alcune categorie merceologiche, come quelle che trattano tabacco, le quali società hanno l’obbligo di controllo del e sul mercato, sia per la contraffazione che per il contrabbando, per poi segnalare alle autorità di competenza. La nostra struttura si occupa di contraffazione e contrabbando per una nota azienda di sigarette internazionale, e abbiamo contribuito a smantellare un grande traffico di sigarette di contrabbando, e contraffatte. Abbiamo anche svolto casi per multinazionali del settore chimico, facendo venire alla luce il contrabbando di prodotti originali e contraffatti.

DIFENSIVE, BONIFICHE E PATRIMONIALI

21. Quando si ricorre alle investigazioni difensive?

Alle investigazioni difensive si ricorre ogni qualvolta vi è una denuncia penale e/o si è indagati per la presunta commissione di reati.

22. Chi può contattare l’investigatore per le indagini difensive?

Le indagini difensive deve autorizzarle l’avvocati difensore, ma a noi può contattarci sia l’indagato/imputato che l’avvocato, dopo si formalizzerà con l’avvocato difensore.

23. Un investigatore può bonificare da microspie?

Si, un’agenzia investigativa può effettuare le bonifiche ambientali e di tutti i dispositivi telefonici e informatici. Un investigatore è il professionista più indicato per far bonificare luoghi, pc e telefoni, questo perché, a differenza delle tante società che non devono sottostare a nessuna autorizzazione, le agenzie investigative hanno l’obbligo dell’autorizzazione, e di seguito hanno l’obbligo del segreto, a differenza delle tante società che fanno bonifiche.

24. In quanto tempo si possono bonificare ambienti tablet e cellulari?

Questo dipende molto dai luoghi da bonificare e dai device, e poi da che tipo di bonifica effettuare, la quale si deciderà in fase di raccolta delle informazioni e preventivo.

25. Può un investigatore indagare sul patrimonio reale di una persona o azienda?

Si. Le indagini patrimoniali, sono fondamentali per il recupero del credito, per verificare la solvibilità prima di una commessa, nel caso di assegno di mantenimento e per il pignoramento in generale.

26. Un investigatore può analizzare smartphone e recuperare dati?

Si, sempre nel rispetto delle normative vigenti.